Via Francigena

6 piste ciclabili europee da fare almeno una volta nella vita

Piste ciclabili in luoghi meravigliosi ed affascinanti: nel nostro continente se ne trovano davvero tante e tutte meritevoli di essere percorse almeno una volta nella vita di ogni cicloturista.

Alcune di queste, però, sono davvero irrinunciabili per la particolarità del percorso che offrono. In questo articolo abbiamo raccolto le sei piste ciclabili più belle di tutto il continente europeo che incantano con i loro paesaggi migliaia di appassionati cicloturisti.

Ecco quali sono.

LEGGI ANCHE Granfondo italiane del 2018: date e percorsi

Il cammino di Santiago

Forse il percorso più famoso al mondo, affrontato in diversi modi e con diversi mezzi da tantissimi pellegrini e viaggiatori appassionati. La bicicletta è probabilmente il modo migliore per godersi il cammino di Santiago: permette di ridurre il tempo di percorrenza e anche di visitare più luoghi e monumenti lungo il percorso. Può essere iniziato a partire da diverse città della Spagna come Bilbao, Barcellona, Madrid, Siviglia ma l’entrata più famosa e frequentata è da Roncisvalle.

Santiago
Tra le piste ciclabili più belle d’Europa c’è sicuramente il cammino di Santiago

 

La via Francigena

Anticamente, la via Francigena era la strada che i pellegrini che partivano da Canterbury percorrevano per arrivare a Roma. Oggi, si configura come una delle piste ciclabili più belle di tutta Europa lunga circa mille chilometri che ripercorrono tratti storici di notevole interesse. Per permettere a tutti di affrontarla, è divisa in 23 tappe non eccessivamente lunghe. La partenza è presso il passo del Gran San Bernardo in Valle d’Aosta mentre l’arrivo si trova a Roma dopo aver attraversato regioni come Piemonte, Lombardia e Toscana.

 

Avenue Verte o Greenway

Difficile da credere ma è così: esiste un’incredibile pista ciclabile che unisce Parigi a Londra con un breve tratto a bordo di un traghetto. Dalla capitale francese si pedala per circa 200 chilometri seguendo le rive boscose della Senna per raggiungere infine Dieppe, cittadina che si affaccia direttamente sul Canale della Manica. Dopo il breve viaggio in traghetto, si riprende a pedalare dal porto di Newhaven lungo le dolci campagne inglesi che infine lasceranno spazio alla grandezza della capitale inglese.

Manica
Scorcio del Canale della Manica dalla costa francese
Ecovia Litoral dell’Algarve

Spiagge incontaminate e una perenne vista sul mare: ecco cosa offre la pista ciclabile che si snoda lungo il litorale dell’Algarve in Portogallo. Questo percorso è lungo circa 228 chilometri e parte da Cabo de Sao Vicente arrivando poi a Vila Real de St. Antonio. Numerose città e paesini si affacciano lungo questo itinerario, tutti degni di sosta anche se breve. Esempi sono Lagos ed Albufeira, che regalano calette nascoste meravigliose e tramonti indimenticabili.

La pista ciclabile di Mozart

Questo percorso, a cavallo tra Austria e Germania, permette di scoprire i luoghi in cui Wolfgang Amadeus Mozart è vissuto. Infatti, esso parte e si conclude nella città natia del famoso musicista, Salisburgo, e tocca alcuni punti mozartiani storicamente riconosciuti. La pista è lunga circa 450 chilometri ma è divisa in 16 tappe, ognuna delle quali non più lunga di 50 chilometri. Alcune, infatti, sono lunghe anche solo 16 chilometri permettendo a tutti di poter godere di questo spettacolare percorso.

Starry Night Cycle Path

È lungo soltanto un chilometro ma è un percorso unico nel suo genere: ispirato alla più celebre opera di Van Gogh, La Notte Stellata, lo Starry Night Cycle Path si illumina di notte indicando la direzione ai ciclisti. Esso, infatti, è formato da tantissime pietre luccicanti che si ricaricano durante il giorno con la luce solare e sono in grado di sprigionare luce per più di otto ore durante la sera. Si trova nella cittadina di Neunen in Olanda, dove Vincent Van Gogh è vissuto nel 1883.

Starry Path
La pista ciclabile ispirata a La Notte Stellata di Van Gogh. Fonte: www.studioroosegaarde.net

Scegliere tra queste piste ciclabili la più bella è impossibile, possiamo solo augurarci di riuscire a farle tutte durante i nostri viaggi in bicicletta!

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *