Bici in bambù, un’alternativa eco-friendly

Oggi ci concentriamo non sulle solite bici, ma su quelle di legno più in particolare quelle in bambù.
Negli ultimi anni sempre più visionari si sono lanciati nella progettazione di biciclette in questo materiale, utilizzato da sempre nell’architettura e nel design, quindi la domanda che sorgeva spontanea era: perchè non provare ad usarlo anche per le bici?
Ecco 5 “risposte” a tale domanda:

1-La prima bici che merita di essere nominata è la Holzweg del designer Arndt Menke; il suo progetto potrebbe battere ogni record per quanto riguarda la leggerezza, difatti il peso del telaio della bicicletta da lui progettata è di solo 2,3 Kg, il tutto possibile proprio grazie all’uso del bambù. La scelta di questo tipo di materiale è stata dettata oltre che dalla leggerezza anche dall’elasticità. Il risultato è strepitoso, una bici di tutto rispetto dall’aspetto compatto ed essenziale con un tono caldo quale solo il legno sa dare.

2-Un altro progetto interessante è quello ideato da Sunny Chuah, che di ritorno da un suo viaggio in bicicletta, ha fondato la Bamboo Bee, azienda che per l’appunto crea bici in bambù. La particolarità è che la bici non arriva a casa già pronta, ma arriverà in una scatola contenente canne di bambù e fibra di canapa e sarete voi stessi ad assemblare la vostra bici. Insomma una vera e propria bici fai da te, che metterà alla prova i propri acquirenti, ma che il risultato sbalordirà piacevolmente!BEEE3-La Società spagnola Campos Bamboo Bikes, sta prendendo piede nell’ambiente grazie alla produzione di bici eco-friendly. Questa azienda gestita da padre e figlio ha realizzato un’intera linea di biciclette in bambù, materiale che hanno deciso di usare per le sue caratteristiche tecniche, tra cui la capacità di attutire maggiormente le vibrazioni rispetto all’alluminio. È possibile vedere ed acquistare queste meravigliose bici, disponibili in diversi colori e misure, nel loro negozio di Saragozza, dove tra l’altro svolgono dei workshop informativi per andare incontro alle esigenze dei propri clienti e creare la bici ad hoc.

4-Anche in Italia le iniziative non mancano, in Sicilia pochi anni fa è stata fondata Bambooryist; si tratta di una start-up nata dall’idea di due giovani trentenni palermitani, che si sono resi conto che in Italia nel mercato delle bici non vi erano molte bici “differenti” ed è partita da qui l’idea di specializzarsi nella produzione di bici in bambù.bambù5-Sempre in tema di start-up e bici in bambù, una occhio di riguardo meritano due ragazzi tedeschi che in Ghana hanno creato My Boo, un’attività sociale che tramite la realizzazione di telai in bambù per biciclette, ha come fine quella di cercare di combattere nel suo piccolo la povertà di un paese in via di sviluppo ed allo stesso tempo promuovere la sostenibilità.

 

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *